9 feb 2017

Hunger games, perche "Battle royale" non era abbastanza commerciale

Di pareri contrastanti dietro questo titolo ce ne sono tantissimi... credo che tra gli "young adult" sia quello che divide di piu gli animi tra chi lo loda e chi lo diprezza quindi prendete questa mia recensione come un punto di vista PRETTAMENTE PERSONALE sulla saga.

LA SAGA
Penso che ormai anche i muri conoscano la trama, ma se per caso siete eremiti o siete stati in ibernazione in questi ultimi dieci anni (si, è uscita quasi dieci anni fa, vi sentite vecchi eh?) ecco qui, in breve, di cosa si tratta.
Hunger games è una serie di tre libri scritti da Suzanne Collins, da cui sono stati tratti tre film che hanno portato alla saga un enorme successo.
Le vicende sono ambientate in un futuro distropico dove la nazione di Panem (in un momento del libro viene rivelato che si tratta degli ex Stati Uniti) dopo una sanguinosa guerra civile sono stati divisi in dodici "distretti", ognuno dei quali si occupa di fornire un paricolare bene a Capitol city, la città che li tiene sotto controllo. Come dimostrazione della supremazia della capitale anno dopo anno in ogni distretto vengono sorteggiati due "tributi", un ragazzo e una ragazza tra i dodici e i diciotto anni, per partecipare agli Hunger Games, una sorta di reality show trasmesso in tutta la nazione dove questi ventiquattro poveri disgraziati dovranno trucidarsi a vicenda finché non ne resterà uno solo che sara ricoperto di ricchezze (giusto i soldi che serviranno a pagarsi le sedute con lo psicologo, direi).

I LIBRI




I tre libri di cui è composta la saga sono: "Hunger games", "La ragazza di fuoco" e "Il canto della rivolta".
Sono libri scorrevoli e usano un liguaggio molto semplice, l'unica cosa che puo risultare pesante e la forma in cui sono scritti: infatti sono tutti in prima persona (dal punto di vista di Katniss, la protagonista) e al presente. Se non siete abituati a leggere libri scritti cosi all'inizio potreste stancarvi parecchio, ma dopo un po' diciamo che si ci abitua.
Ai personaggi ci si abitua un po' meno. Da un libro del genere, in prima persona, mi sarei aspettata una Katniss esplosiva, piena di idee e di opinioni con una caratterizzazione, almeno la sua, prorompente e invece risulta un po' - passatemi il termine - fantoccia, quasi come se a parlare fosse una persona esterna alle situazioni, mai del tutto trasportata e mai del tutto convinta di nulla, a partire da una cosa basilare come i suoi sentimenti... parliamone, gioia mia, non è che puoi davvero trapanarci le palle esasperarci per pagine e pagine con il tuo conflitto interiore "amo Gale ma forse amo di piu Peeta, no odio Peeta ma forse non amo Gale, ma lo bacio o forse lo amo, o forse non amo nessuno... o magari..."
O magari dovresti pensare a salvare il tuo bel culetto piuttosto che struggerti per amore! Che intorno a te la gente muore e ti crede una gran figa, ti venera e ti protegge e tu non sai che fartene di tutto sto ben di dio... Finnick perche non sei tu il protagonista?!
Menzione d'onore anche a Johanna, fantastica, ad Haymitch che è davvero una manna dal cielo per Katniss (ma figurati se lei lo capisce!) e a Peeta che nonostante tutto resta il più vero di tutti (non me ne vogliate, sono team Peeta! Del tipo Gale ma chi te se 'ncula...).


DIFFERENZE TRA FILM E LIBRI
Segnatevelo, non credo lo riscriverò tanto presto, ma i film in questo caso sono molto più belli dei libri! (ok, vi aspetto per fare la camminata della vergogna in stile Cersei...)
La verita e che, per quanto mi riguarda, i film hanno estrapolato il meglio dai libri e, non essendoci piu Katniss a filtrare ogni singola cosa, riusciamo ad apprezzare anche tutti gli altri personaggi e i loro punti di vista.
Gli attori sono azzeccatissimi, tutti, persino la mamma non-conto-un-cazzo-quindi-non-mi-hanno-neppure-dato-un-nome di Katniss ha più senso nel film (che poi, davvero in tre film riescono a non dire mai il suo nome?! Quasi non volevo crederci!).
Sfortunatamente per lei, la cara Katniss, c'era poco da fare... Jennifer Lawrence ha tirato fuori il meglio che poteva ed e riuscita a renderla, se non proprio amabile, meno odiosa, ma alla fin fine quella è e non si ci può far molto.


Ho apprezzato anche quei cambiamenti necessari ai fini della trama, compresa Effie che nei libri risulta molto più marginale che nei film.

COSA NE PENSO...
E il premio "volevo vederti morta ad ogni pagina" va a... rullo di tamburi... Katniss Everdeen!
Ok, dai, la verità è che, a parte tutto, ho apprezzato tantissimo i film e abbastanza il libro e che, nonostante sia palese la similitudine fin troppo marcata con "Battle royale" (un libro/film/fumetto di stampo giapponese di cui, prima o poi, vi parlerò perche merita un botto) eècomunque una storia godibile.
Diciamo che se vi piacciono i libri/film distopici young adult e non avete di meglio da leggere/vedere e quello che fa per voi!

Fatemi sapere la vostra!!!






Nessun commento:

Posta un commento

Recensione "Il principe prigioniero" - C.S. Pascat

Ciao a tutti! Era da tanto che non scrivevo un post... ho faticato a trovare il tempo (come sempre!) ma spero di farmi perdonare con questa ...