5 feb 2017

Non solo libri - "Life is strange"

Si, è vero, amo leggere e scrivere, ma se qualcuno ha speso un attimo di tempo a leggere il primo post, oltre ad esservi sembrata una psicopatica completa, avrete notato che ho anche altre passioni... perché in fondo, a modo mio, sono una piccola nerd e amo trovare nuove scuse per restare a casa a fare qualsiasi cosa piuttosto che socializzare, tra questi, ogni tanto (molto di rado a dirla tutta, ma capita) mi piace confiscare il joystick al mio fidanzato, sedermi comoda sul divano e giocare.

Inauguriamo allora la rubrica "non solo libri" parlando di questo piccolo capolavoro chiamato Life is strange.


Life is strange è un'avventura grafica pubblicata dalla Square Enix (e già solo per questo una possibilità andrebbe data), uscita inizialmente in episodi acquistabili esclusivamente online e poi raccolta in un unico gioco.

TRAMA
La storia ci viene raccontata dal punto di vista di una ragazza, Maxine Caulfield (ma non ama il suo nome e preferisce farsi chiamare Max), studentessa di fotografia alla facoltosa accademia di Blackwell di Arcadia Bay che assiste ad un incidente in cui una ragazza, Chloe, viene uccisa da un colpo di pistola. Nel tentativo di salvarla scopre di poter riavvolgere il tempo e di conseguenza cambiare il corso degli eventi.


Da questo episodio in poi la vita di Max subirà una scossa, ritrovandosi invischiata suo malgrado in una serie di indagini che coinvolgeranno svariati personaggi tra cui amici, compagni di classe e professori della ragazza.


IL GIOCO
La particolarità di questo gioco risiede sopratutto nella scelta di mettere come fulcro l'aspetto narrativo. Sin dalle prime battute si ha la sensazione di guardare un film ma la possibilità di controllare Max, di scegliere quali risposte dare (e, fidatevi, una risposta all'apparenza banale può risultare fondamentale più in là), di seguirne i pensieri e di entrare in modo così profondo nella sua vita, fa si che l'immersione e il trasporto nei confronti del gioco risulti ai massimi livelli.
La grafica è volutamente "tratteggiata" e, se in un primo momento potrebbe far storcere il naso a qualcuno, dopo i primi trenta minuti di gioco si inizia ad apprezzare anche questo aspetto.



COSA NE PENSO...
Ho divorato questo gioco in meno di due giorni. Non è un titolo longevo, è vero, ma il motivo di questa "maratona" è stato il bisogno insaziabile di scoprire come sarebbe andata a finire!
Non si può evitare di affezionarsi alla timida eppure decisa Max,sempre alla ricerca dello scatto perfetto con la sua polaroid, alla super badass Chloe, con le sue sigarette, la musica e i capelli blu elettrico, non si può non tifare almeno un pochino per Warren, il nerd simpatico e un po' imbranato innamorato perso di Max, tanto da fare a botte per lei... e questi sono solo alcuni dei tantissimi personaggi memorabili che, con le loro mille sfaccettature, risultano più reali che mai.
Questo è quel tipo di gioco perfetto per terminare una giornata pesante, quando non si ha voglia di far altro che sedersi sul divano e godersi un gioco rilassante ma allo stesso tempo avvincente.
Le soundtrack poi avrebbero bisogno di un intero capitolo a parte. Sono una più bella dell'altra (andatevele ad ascoltare, trovate tutto l'album QUI!) e scandiscono ogni episodio così bene che a volte finirete per starvene lì, con la musica che va e Max ferma immobile davanti un muro perché a cambiare scena rischiate che la musica cambi prima che sia finita!



In conclusione, se vi piacciono le storie introspettive, di amicizia con un bel contorno paranormale e un bel mistero da risolvere (si, perché nel mentre c'è anche una ragazza scomparsa di mezzo... non ci facciamo mancare nulla eh!) questo gioco non ve lo potete proprio fare scappare! E preparate i fazzoletti, perché di emozioni ce ne saranno parecchie e la decisione finale, la più importante, vi costerà sangue freddo e, qualunque sia, si porterà via una parte del vostro cuore.





Che ne pensate, lo giocherete? Se lo avete già giocato, la pensate come me? Fatemi sapere!!!



2 commenti:

  1. Già che lo volevo... adesso MUOIO dalla voglia di giocarci! T_T Ma ho bisogno di una dannatissima Play Station 4!

    RispondiElimina

Recensione "Il principe prigioniero" - C.S. Pascat

Ciao a tutti! Era da tanto che non scrivevo un post... ho faticato a trovare il tempo (come sempre!) ma spero di farmi perdonare con questa ...