3 feb 2017

Tanto per cominciare...

Tanto per cominciare mi chiamo Laura, e fin qui ci potevate arrivare anche da soli.
Perché sono giunta alla conclusione che sia una mossa saggia creare l'ennesimo blog? Non saprei, probabilmente sono abbastanza masochista da non rendermi conto che questo sarà un impegno troppo grande e che comunque a nessuno fregherà nulla di ciò che ho da dire, visto che a malapena interessa a chi deve sopportarmi ogni giorno... ma siccome qui ci siete capitati vedrò di raccontarvi qualcosa in più.
Ho ventisette anni, vivo in Inghilterra da più tempo di quanto sia disposta ad ammettere e ancora ho problemi con questa dannata lingua che è l'inglese; per fortuna con l'italiano me la cavo un tantino meglio, per cui sin da bambina ho sempre trovato nella scrittura uno sfogo che, insieme al disegno, mi ha permesso di non impazzire del tutto.
L'anno scorso ho usato la scrittura come terapia e sono riuscita nell'impresa di completare un romanzo e, miracolo, a farlo pubblicare! Spero che quello della "scrittrice" diventi il mio lavoro a tempo pieno, perché quello attuale non è proprio ciò che immaginavo di fare nella vita.
In effetti, dieci anni fa non avrei mai detto che mi sarei ritrovata al punto in cui mi trovo ma, ehi, il destino a volte ha uno strano senso dell'umorismo, e alla fin fine non posso neppure lamentarmi più di tanto: ho un lavoro, una casa, un fidanzatoquasimarito e un sogno nel cassetto che si sta pian piano realizzando, c'è chi sta meglio ma c'è chi sta peggio.

Sono sociopatica, maniaca compulsiva del controllo e a modo mio anche abbastanza nerd. Leggo tanto, gioco un po', guardo serie tv... insomma, la normale vita di una quasi trentenne, giusto? GIUSTO?!

Ah, beh, ma magari vi stavate anche chiedendo perché ho chiamato questo blog con un nome tanto lungo ed insensato. La verità è che vivo di notte, leggo spesso la notte e soffro abbastanza di insonnia, per cui volevo qualcosa che richiamasse le mie letture/scritture notturne... in più il titolo del libro da cui ho preso spunto (Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte) mi ha sempre intrigato ed è nella mia infinita lista di titoli da leggere da una vita!

Ok, ho scritto abbastanza, sono quasi le otto del mattino e credo sia giunto il momento di andare a dormire. Se avete voglia di dirmi qualcosa, lasciarmi un saluto o indicarmi il numero del vostro psicanalista di fiducia lasciate un commento e state tranquilli che non mordo... non troppo forte almeno!

Nessun commento:

Posta un commento

Recensione "Il principe prigioniero" - C.S. Pascat

Ciao a tutti! Era da tanto che non scrivevo un post... ho faticato a trovare il tempo (come sempre!) ma spero di farmi perdonare con questa ...