23 mar 2017

Non solo libri - "The giver - Il mondo di Jonas"

Da quando sono entrata nel magico mondo di Netflix la mia già precaria vita sociale è andata letteralmente a farsi fot... ehm si, insomma, avete capito.
La differenza tra me e la maggior parte dei clienti Netflix sta però nel fatto che quello che preferisco non sono tanto le serie tv (no, non ho detto che non ne guardo, guardo anche quelle!) ma i film. Trovo infatti bellissimo mettermi sul divano con il mio té, il plaid, l'ipad pro e spulciarmi tutta la lista dei film fino a che non trovo il vincitore della serata (si, sono una novantenne nel corpo di una trentenne, e allora?!).

Giusto qualche sera fa, scorrendo tra le proposte, mi è saltato all'occhio questo film: "The giver - il mondo di Jonas" e leggendo la trama ho fatto un salto nel tempo di almeno dieci anni. Ero alla feltrinelli, squattrinata come al solito, in un caldo pomeriggio siciliano a sbirciare i nuovi libri della sezione per ragazzi... a quei tempi parole come "urban fantasy", "young adult", "romanzi distropici" erano sconosciuti e qualsiasi tipo di libro NON PER ADULTI finiva senza tanti complimenti in quella ambigua sezione di libri che comprendeva le favole, Dikens, Tolkien e anche i libri illustrati che, a quei tempi, erano definiti "roba da bambini".
Insomma, ero lì che girovagavo nella mia sezione preferita quando mi ritrovo tra le mani questo libro:


Si, capisco che la copertina non dica nulla, ma è un libro del '95, abbiatre pietà!
In ogni caso la trama mi aveva intrigato. Parlava di un ragazzo che vive in un mondo in cui non c'è libertà di scegliere: si nasce, si viene affidati ad una famiglia, si riceve un'istruzione e poi un gruppo di persone scelgono per te il lavoro perfetto. Insomma, un mondo utopico privo di sentimenti e di bivi. Jonas, questo il nome del ragazzo, scopre però alcune scomode verità che metteranno in discussione tutto ciò in cui ha sempre creduto.
Insomma, la trama mi aveva preso ma a malincuore quel giorno dovetti lasciare quel prezioso bottino sullo scaffale e, complce la mancanza di internet e di una fotocamera sul cellulare, mi dimenticai il titolo.

Come vi dicevo, qualche sera fa su Netflix mi sono imbattuta proprio nel film tratto da questo libro!


Ero davvero felicissima e ovviamente ho deciso di guardarlo e, che dire... sono rimasta piacevolmente colpita da questo film! La storia non è per nulla banale, i personaggi sono interessanti e sopratutto la società in cui vivono lascia davvero spazio a mille congetture sul come e sul perché.
Non voglio spoilerarvi nulla ma credo che chiunque sia un amante del genere distropico dovrebbe guardarlo! (Cose che "Hunger games" levate proprio!)

Ovviamente non appena ho finito di asciugarmi i lacrimoni alla fine del film sono corsa su internet a cercarmi i libri e cosa scopro? Che è una serie composta da quattro volumi e che sono stati pubblicati con delle copertine strafighe!


Una nuova serie nella già lunghissima lista di libri da comprare di Laura? Ovvio che si!
Sono curiosissima di leggere il libro, scoprire quanto sia migliore del film e ovviamente leggerne il seguito!!!

E voi? Lo avete letto? Che cosa ne pensate?
Fatemi sapere!!!



Nessun commento:

Posta un commento

Recensione "Il principe prigioniero" - C.S. Pascat

Ciao a tutti! Era da tanto che non scrivevo un post... ho faticato a trovare il tempo (come sempre!) ma spero di farmi perdonare con questa ...