1 ago 2017

Recensione "La moglie del califfo" di Renée Ahdieh

Oh mio dio, ragazzi sto iperventilando malissimo!
Ho appena finito di leggere questo libro (il primo di una duologia) e non so ancora bene come farvi capire quanto mi ha fatto emozionare, piangere... vivere.


TRAMA
Chi non conosce, almeno per sentito dire, il racconto delle mille e una notte? Un califfo che sposa delle giovani e le uccide la mattina seguente e una giovane coraggiosa che riesce a sopravvivere raccontandogli delle storie che non terminano all'alba, facendo si che l'altro la lasci in vita per sapere come finisce... ecco, questo romanzo all'apparenza non è altro che un retelling di quel famoso racconto, ma quello che vi aspetta oltre i primi capitoli non potrà non lasciarvi senza fiato.
Sharhzad infatti, la diciassettenne protagonista, sembra ben decisa fin da subito ad uccidere il "reuccio" che si è macchiato del sangue di tutte quelle giovani, compreso quello della sua migliore amica ma Khalid, questo il nome del califfo diciottenne del Khorasan, si rivelerà molto diverso dal mostro di cui tutti parlano.

TRA AVVENTURA E PASSIONE
Era tanto tempo che non leggevo un libro "fuori" dalla mia zona comfort (ovvero fantasy/urban fantasy) e devo dire che all'inizio l'ambientazione mi aveva fatto desistere. Fortunatamente dopo aver letto mille pareri positivi ho deciso di tentare e devo dire che non solo non sono rimasta delusa, ma mi ha persino stupita! Le vicende si svolgono con una tale scorrevolezza che non si può fare a meno di leggere capitolo dopo capitolo con il cuore in gola, chiedendosi come mai Khalid ha ucciso tutte quelle giovani.
il rapporto tra il califfo e Sharhzad è stupendo e matura pagina dopo pagina in modo naturale ma non banale e tutti i personaggi, anche quelli più marginali, sono caratterizzati splendidamente.
Ho amato Jalal e Despina, rispettivamente il cugino di Khalid e l'ancella di Sharhzad, e ho sofferto insieme a quest'ultima per le sue indecisioni nel seguire il cuore o la testa.

COSA NE PENSO...
Se siete ancora indecisi se acquistarlo o no, fatevi un favore, prendetelo, leggetelo, lasciatevi trasportare in questo mondo fantastico e alla fine scoprirete che, dopo l'ultima pagina, avrete già voglia di ricominciarlo e sopratutto di leggere il seguito (il secondo s'intitola "La rosa del califfo" ma, ahimé, non si trova da nessuna parte ed io sto già pregando tutti gli dei perché esca al più presto la ristampa!).
Questo libro è pura poesia, un inno all'amore e un monito verso chi giudica senza conoscere. Insomma, non ci sono davvero motivi per non leggerlo!

spero di aver sucitato la vostra curiosità e che seguirete il mio consiglio.
Fatemi sapere se lo avete letto, se la pensate come me o se lo leggerete!

A presto!!!


Nessun commento:

Posta un commento

Recensione "Il principe prigioniero" - C.S. Pascat

Ciao a tutti! Era da tanto che non scrivevo un post... ho faticato a trovare il tempo (come sempre!) ma spero di farmi perdonare con questa ...