20 set 2017

Recensione "Il principe prigioniero" - C.S. Pascat

Ciao a tutti! Era da tanto che non scrivevo un post... ho faticato a trovare il tempo (come sempre!) ma spero di farmi perdonare con questa nuova recensione di un libro che sta davvero spopolando in questi ultimi mesi: "Il principe prigioniero" di C.S. Pascat.



TRAMA
Damen è un guerriero e un eroe per il suo popolo, nonché il legittimo erede al trono di Akielos. Ma quando il fratellastro si impadronisce del potere, Damen viene catturato, privato del suo nome e spedito a servire il principe di una nazione nemica come schiavo di piacere. 
Bellissimo, manipolatore e pericoloso, il suo nuovo padrone, il principe Laurent di Vere, rappresenta tutto il peggio della corte di quel paese. Ma all’interno di quella letale ragnatela politica niente è come sembra, e quando Damen si trova, suo malgrado, invischiato nelle macchinazioni per il raggiungimento del potere, è costretto a collaborare con Laurent per sopravvivere e salvare la sua casa.

Per il giovane condottiero, a quel punto, vige una sola regola: non rivelare mai, in nessun caso, la propria identità, perché l’uomo da cui dipende è anche colui che, più di chiunque altro, ha motivo di odiarlo…



TEMATICHE LGBT E SCENE FORTI, MA...
Devo dire che la trama mi aveva molto incuriosito e le prime pagine sembravano davvero promettenti così senza pensarci troppo, complice anche il prezzo davvero basso su amazon, ho deciso di comprarlo.
Il libro ha tutte le caratteristiche che, di recente, ho iniziato ad apprezzare nei libri: storie m/m ed f/f, fantasy, intrighi e una trama all'apparenza molto intricata ma personalmente ho notato una mancanza di significato.
Era come se la maggior parte delle scene fossero messe un po' a caso, come se la storia andasse avanti semplicemente in funzione di quelle scene lì.
Per tutta la durata del libro la sensazione è stata quella di una linea retta. Non ci sono grandi cambiamenti nella situazione di Damen e neppure una vera crescita dei personaggi (a mio parere Laurent non ha fatto altro che confermari fino alla fine il suo pessimo carattere, senza dare una vera spiegazione).
Per quanto riguarda gli altri personaggi nessuno di loro mi ha lasciato qualcosa e, a dire il vero, fatico persino a ricordarne i nomi!


Le scene presenti nel libro sono senza dubbio abbastanza forti (ma niente di troppo sconvolgente se avete letto "Il trono di spade") e di certo la scrittrice non ha lesinato sulla frequenza, ma è proprio questo eccesso, a mio parere spesso del tutto fuoriluogo o immotivato, ad avermi fatto storcere il naso diverse volte.
Capisco che Vere sia una città lasciva e dedita alla promiscuità, ma davvero non si riesce ad andare oltre al mero bisogno carnale neppure una volta?!


COSA NE PENSO...
Sfortunatamente dopo un inizio promettente non sono riuscita ad appassionarmi e l'ho trovato noioso e piatto. So che è solo il primo di una trilogia ma non credo di volerla continuare e non mi sento di consigliarne la lettura a meno che proprio non abbiate altro da leggere.
Nonostante questo sono consapevole che a molti blogger e booktuber è piaciuto (e anche parecchio) quindi credo che a qualcuno potrebbe piacere e come sempre vi esorto a scoprire per conto vostro se questo libro valga o no la pena di essere letto.

Spero che la recensione vi sia piaciuta, fatemi sapere se avete letto il libro e se a voi è piaciuto o no.
Alla prossima recensione, ciao!


1 commento:

  1. Ciao! Volevo avvisarti che ti ho nominato per il liebster Award; se ti va partecipa, mi farebbe piacere!

    http://ioamoilibrieleserietv.blogspot.com/2017/09/il-liebster-award-2017_29.html

    RispondiElimina

Recensione "Il principe prigioniero" - C.S. Pascat

Ciao a tutti! Era da tanto che non scrivevo un post... ho faticato a trovare il tempo (come sempre!) ma spero di farmi perdonare con questa ...